24
Gen

Come si fa un video di meditazione guidata

In questo articolo vediamo tutte le fasi di creazione di un video di meditazione guidata!

Quanto difficile è rilassarsi al giorno d’oggi? quanto riusciamo a staccarci dalla nostra routine e dedicare tempo a noi stessi? è difficile vero? io lo vedo sulla mia pelle, i minuti che mi “regalo” a volte mi fanno sentire in colpa. E invece non dovrebbe essere così, perché se riesco a riposare e staccare la mente dal lavoro, poi il giorno dopo rendo il doppio.

L’altro giorno ho avuto la fortuna di conoscere una personal trainer, che ha regalato alle sue colleghe una lezione di rilassamento guidato durante un meeting online. Cullate dalla sua voce e dalla musica di sottofondo abbiamo potuto fare qualche minuto di relax, anche se non ci trovavamo nello stesso posto.

Mettiamo che voglia in futuro farsi conoscere a più persone e ampliare quindi i clienti.

Lo potrebbe fare attraverso i video!

quella stessa lezione che ha offerto a me, può farla diventare un video di promozione o anche una serie di video che può caricare nel suo sito. Per mostrare alle persone quello che fa o per regalare un contenuto prezioso a chi abita lontano e non può raggiungerla.

E come, direte voi? Ve lo spiego io 😉

Come si fa un video di meditazione

Fase 1: Registrare la voce

Per creare un video di rilassamento serve innanzitutto un pc con microfono.
Può essere un microfono integrato oppure anche un microfono esterno con l’attacco usb*.
Si registra la voce tramite il pc cercando di diminuire tutti i rumori di sottofondo e di eco della stanza. Ad esempio mettendo sul pavimento dei tappeti o delle coperte, cercando di coprire con i tessuti gli arredi che sono presenti sulle pareti.
Un modo “simpatico” e veloce per creare un ambiente con audio “controllato” è quello di mettersi una coperta sopra alla testa e sopra al pc quando si registra l’audio. Un po’ come quando da bambini giocavamo a farci la casetta con le coperte. Avete presente vero? ?
Oppure un’altra alternativa, se registrate con portatile, è quella di “entrare” in un armadio, tra le giacche appese e l’ambiente ristretto, vi assicuro che il rimbombo sarà al minimo!

Fase 2: Scegliere la musica

La musica. Si può optare per una musica free (e assicurarsi che lo sia davvero per il vostro scopo) da scaricare nei vari siti che le offrono (ad esempio se avete un canale YOUTUBE potete accedere alla libreria della musica). Oppure acquistarne una, ad esempio nel sito AUDIOJUNGLE (che rilascia la licenza di utilizzo).
La musica va inserita in fase di montaggio e non riprodotta mentre parlate. Questo vi consentirà di avere un audio migliore, ma anche soprattutto…di cambiarla nel caso in futuro dovesse esserci qualche problema di copyright. Se usate la musica free mettete in conto che, una musica gratuita ora potrebbe non esserlo per sempre.

Fase 3: Aggiungere le immagini

Per creare un video sono essenziali le immagini! 😉
Anche qui care ragazze, abbiamo l’imbarazzo della scelta perché ce ne sono tantissime di gratuite. Un esempio di dove trovarle? Il sito UNSPLASH.COM 
Scegliete immagini orizzontali e in alta risoluzione, in modo da poterle inserire nel programma di montaggio senza problemi.
Per animarle potete usare la tecnica dello zoom. Cioè partire da un’immagine inserita molto grande e poi via via farla zoomare (pianissimo) finché non arriva ad essere della stessa dimensione della vostra sequenza.

Ed infine: esportate il video e iniziate a mostrare la vostra bravura!

*Link affiliato